Agonia della Citta’ Metropolitana

cittametropolitanatorino

La vittoria dell’Appendino e della Raggi a Torino e a Roma, in forza della legge che ha istituito 10 citt√† metropolitane, ha comportato che le stesse, siano anche sindaco delle due citt√† metropolitane, anche se alle elezioni di secondo grado per eleggere il Consiglio Metropolitano non hanno¬†ottenuto al maggioranza dei consiglieri.

Una situazione paradossale che sta facendo diventare il governo di una istituzione, molto problematica se non addirittura assente. A Torino in modo particolare, il completo disinteresse della sindaca Appendino sta creando seri problemi ai 315 comuni della Città Metropolitana che erano abituati ad avere dalla ex Provincia supporto e collaborazione.

Alla Città metropolitana competono la gestione di circa 3300 km di strada e oltre 150 edifici scolastici delle scuole superiori, innanzitutto, oltre al governo di un territorio che ha bisogno di un coordinamento dei Comuni per realizzare politiche relative ai tanti settori, dallo sviluppo territoriale alla gestione dei servizi, al tema dei rifiuti.

Credo che sia necessario fare un bilancio della legge 56, pi√Ļ nota come legge Delrio, che voleva anticipare l’abolizione delle Province ( su cui c’era un larghissimo consenso, i pi√Ļ convinti erano proprio i 5Stelle che neanche si presentavano alle elezioni talmente erano contro l’istituzione provinciale), ma che con la bocciatura della proposta di riforma costituzionale nel referendum del 4 dicembre, ha visto sopravvivere le Province.

Quindi c’√® bisogno di una nuova visione del ruolo delle istituzioni degli Enti Locali.

Per questo ho presentato una piccola proposta di legge che prevede che il sindaco metropolitano sia eletto dal Consiglio e non sia automaticamente il sindaco del comune capoluogo. In tutte le istituzioni democratiche c’√® una maggioranza e una minoranza ed √® bene che siano espressione del voto e non di altro.

Si tratta della proposta di legge: “Modifica all’articolo 1 della legge 7 aprile 2014, n. 56, in materia di elezione del sindaco metropolitano”¬†(4563¬†presentata il 23 giugno 2017).

Possiamo ripartire da qui per rilanciare una istituzione e aiutare i tanti Comuni della città metropolitana di Torino.