Premio Nobel per la pace all’impegno per il disarmo

ican01

E’ stato assegnato all’organizzazione per il bando alle armi nucleari (I can) il premio Nobel per la Pace 2017.

Il premio è stato assegnato alla I can per “il suo ruolo nel fare luce sulle catastrofiche conseguenze di un qualunque utilizzo di armi nucleari e per i suoi sforzi innovativi per arrivare a un trattato di proibizioni di queste armi”. L’Ican, organizzazione non-profit fondata nel 2007, raccoglie 406 organizzazioni partner in 101 Paesi.

Il premio Nobel per la pace “è un messaggio agli Stati che hanno armi nucleari”, ha detto il direttore dell’Ican. “Continuare a basare la propria sicurezza sulle armi atomiche è un atteggiamento inaccettabile“, ha proseguito il direttore dell’Ican, Beatrice Fihn. “Stiamo cercando di mandare forti segnali a chi ha queste armi, Corea del Nord, Stati Uniti, Russia, Cina, Francia, Gran Bretagna, India e Pakistan: è inaccettabile la minaccia di uccidere civili”, ha proseguito.

Il Segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, plaude alla Campagna internazionale per abolire le armi atomiche (Ican), insignita con il premio Nobel per la pace 2017. “Gli eventi dei mesi scorsi ci hanno ricordato il rischio catastrofico che le armi nucleari rappresentano per l’umanità – ha affermato Guterres in una nota -. Questo premio riconosce gli sforzi della società civile per evidenziare le incalcolabili conseguenze umanitarie e ambientali che potrebbero derivare da un nuovo uso di tali armi”.

E’ un premio che ha il valore di scuotere l’impegno di tutti, c’è bisogno di un nuovo movimento popolare per la pace e il disarmo.